acquista 90 €, ricevi la spedizione gratuita
0
dss 0
0 0,00€
Il carrello è vuoto!
Due occorrenze consecutive di "falsi positivi"
14 Jan

Due occorrenze consecutive di "falsi positivi"

Secondo diversi media, diversi club hanno chiesto alla English Football League (EFL) di indagare a fondo sui casi di falsi positivi segnalati dal Liverpool, che hanno portato al rinvio delle semifinali di Coppa di Lega. Secondo il programma originale, l'andata della semifinale di Coppa di Lega tra Arsenal e Liverpool è prevista per il 7 gennaio all'Emirates Stadium di Londra. Ma due giorni prima della partita, il Liverpool ha chiesto all'EFL di posticipare la partita, citando il rapido aumento dei casi positivi all'interno della squadra e la chiusura della base della prima squadra. L'EFL ha ufficialmente accettato la domanda di proroga del Liverpool. Tuttavia, in un'intervista con la BBC il 9 gennaio, Klopp ha affermato che ad eccezione di Arnold, che indossava un maglie da calcio di terzino destro, che è stato confermato positivo, tutti gli altri erano in realtà falsi positivi e non avevano davvero contratto il virus della nuova corona.

Dopo che l'intervista di Klopp è stata segnalata, l'EFL ha ricevuto denunce contro il Liverpool da un certo numero di club le cui partite erano state rinviate. Sperano di scoprire quando il Liverpool ha scoperto le informazioni. Alcuni club sospettavano che il Liverpool avesse premeditato il rinvio. Non erano infatti molti i giocatori della squadra contagiati dalla nuova corona, ma hanno raggiunto lo scopo di ritardare la partita riportando falsamente casi positivi. Il Liverpool dovrà affrontare severe sanzioni se si scopre che non è riuscito a completare la partita senza validi motivi. Arsenal, Leeds United e altri club colpiti dal rinvio del Liverpool sperano che l'organo di governo possa chiarire le circostanze in cui le partite possono essere rinviate e in quali circostanze no. E questa regola dovrebbe valere per tutte le squadre. I fan che acquistano nuova maglia Liverpool sperano che non siano vere.